FANDOM


GROG DOMUS PARVA

Gunnar Raudi, detto il Danese, è un guerriero berserker. Fa parte del Branco.

Age: 27
Size: 0
Confidence: 1 (3)
Traits: angry +3, ruthless +2, reckless +3.

VIRTUES: Berserk* (general), Warrior (general), Tough** (general)

* Ogni volta che vengo ferito o ferisco un nemico tiro su Angry. Con 9+ vado in berserker. Se sono particolarmente frustrato la difficoltà scende a 6+, e 9+ se non sono ferito o ho ferito. Mentre sono in berserker non posso ritirarmi, esitare o avere pietà. Ho un +2 ad attacco e soak e un -2 alla difesa. In più le penalità di tutte le ferite sono ridotte di un grado. Una volta finiti i nemici, attacco gli amici, a meno che non mi riesca un tiro di Perception - Angry di 6+ (da riprovare ogni round).

** +3 soak.

FLAWS: Ability block, academics (general), Reckless* (personality), Short attention span** (personality).

* Tirato al posto di Brave. Un successo indica che agisco immediatamente senza riconoscere il pericolo.
** Ho problemi a fare la guardia, ascoltare ordini complessi, seguire la trama di una storia, completare compiti che necessitano di attenzione continuata.

CHARACTERISTICS: Intelligence -2, Perception 0, Presence 0, Communication -2, Strenght +2, Stamina +3, Dexterity +1, Quickness +2

SKILLS: Athletics (jump) 3, Awareness (fight) 2, Brawl (fist) 3, Carouse (beer) 1, Folk Ken (sailors) 1, Guile () 2, Hunt (traps) 3, Single weapon (longsword) 5, Stealth (ambush) 4, Survival (cold) 3, Swim (long distance) 3, Thrown weapon (seax) 4.

KNOWLEDGES: Language Norse (raids) 5, Language Slavic (fight) 3, Language Saxon (raids) 3, Area Lore Justland (coastline) 3, Area Lore Pomerania (villages) 2.

COMBAT
Longsword (Swindlind) and round shield: init +4, attk +11(+13*), def +11(+9*), dam +8
Seax and round shield: +3, attk +9(+11*), def +10(+8*), dam +7
Knives: init +2, attk +6(+8*), def +6(+4*), dam +5
Thrown knives:  init +2, attk +6(+8*), def +6(+4*), dam +5, range 5
Fist: init +2, attk +5(+7)*, def +6(+4*), dam +2.
Soak: 8(10*) heavy leather, longsword, round shield, 2 seax, 2 daggers
Encumbrance: 2

* While berserker

Le rune sono incise in spire, come il serpente di Midgard che morde la propria coda. Tutte le saghe sono nodi di serpente, perchè la storia di una vita non sempre comincia con la nascita e finisce con la morte. La mia storia, infatti, comincia con il mio ritorno dalla morte.

Quando sei dietro un muro di scudi, ragazzo, scordati tutti i colpi eleganti. Colpiscili ai fottuti piedi. Tagliagli le caviglie. Trafiggili dal basso in alto da sotto lo scudo, sotto l’armatura di maglia, dritto nelle palle. Sono comunque le sole parti che riesci a vedere o a colpire.

Gunnar Raudi nasce servo presso il villaggio di Bjornshafen, nella attuale Danimarca. Per il suo padrone si occupa dei campi e degli animali, e di tutte le piccole cose di cui ha bisogno una casa. Non partecipa alle razzie con i guerrieri, e non ha il diritto di portare armi.

Il giorno che definirà la sua vita arriva quando Gunnar è ancora un ragazzo. Una flotta di drakkar assalta il suo piccolo villaggio, e i guerrieri del rivale del suo jarl massacrano la maggior parte degli uomini, donne e bambini, tra cui lo stesso Gunnar, che viene lasciato per morto insieme agli altri cadaveri. Giace a terra con la faccia nella sabbia per un giorno e una notte senza dare alcun segno di vita, finchè qualcuno non lo strattona per rubargli le poche cose che potrebbe avere addosso. In quel momento si sente risucchiato nel mondo dei vivi, i suoi occhi si spalancano e il suo corpo viene riempito da una furia che si spande come un fuoco. Gunnar afferra una pietra e spacca il cranio dell’uomo, poi gli prende l’ascia e corre verso l’ultimo drakkar che sta per prendere il mare con gli invasori. Li coglie di sorpresa e li uccide tutti, uno dopo l’altro. Senza pietà. Quando sono tutti morti e la rabbia lascia il suo corpo, Gunnar si accascia sulle assi della nave, stremato dalla fatica e dalle ferite che si sono riaperte. Perde nuovamente i sensi.

Si risveglia nella casa lunga del suo jarl Olav. Egli gli dice che gli deve la vita, perchè stava per essere portato via su quel drakkar e solo Odino sa che fine avrebbe fatto. Come ricompensa lo rende uomo libero, e gli promette un appezzamento di terra e un posto al suo fianco come hauscarl. Gunnar Raudi però sputa per terra e gli chiede perchè lui è ancora vivo? Gunnar non sa che farsene di uno jarl che si è arreso invece di combattere fino alla fine. Uno stupido vigliacco, che ha gettato a terra l’arma ed è stato a guardare mentre i suoi nemici stupravano le donne e uccidevano i bambini che avrebbe dovuto proteggere. Gunnar è un uomo libero? Bene. Se ne andrà liberamente per seguire il suo destino. Non ha bisogno di nessuna fottuta fattoria, vuole solo la spada di Olav, Swindlind (la Spaccascudi), come ringraziamento per avergli salvato il culo. L’ex padrone tentenna senza il coraggio di contraddirlo, e gli cede la sua spada, che come ogni spada è un oggetto prezioso e quasi magico. Un oggetto che di per sè fa di un uomo un guerriero. 

Una volta lasciato Bjornshafen, tuttavia, Gunnar Raudi scopre che nessuno jarl ha intenzione di accettarlo tra i suoi carl. Olav ha fatto sapere in giro che è un uomo senza onore, senza scrupoli, in grado di tradire il suo padrone e sputare nel piatto in cui mangia. Ma lui non si scoraggia, e si allontana sempre di più alla ricerca di un uomo per cui valga la pena combattere, un vero capo da seguire fino alle porte del Valhalla. Ed è così che comincia a sentir parlare di Crosmuat, il terrore di Pomerania. Leggende sulla sua ferocia e sul suo valore in battaglia si sono sparse nelle regioni circostanti, e Gunnar decide di cercarlo e di offrirgli la sua fedeltà.

Aspetto: Gunnar non è nè alto nè particolarmente muscoloso, ma la sua forza viene dalla cattiveria. Gli occhi mostrano la rabbia che cova dentro di lui, e i capelli tinti di rosso contribuiscono al suo aspetto da demone. Come molti berserker, Gunnar tiene capelli e barba raccolti in trecce che lascia libere anche durante il combattimento, come a dare un vantaggio all’avversario in atto di sfida e disprezzo. Sul suo scudo è dipinto il Nodo dei Caduti, i tre triangoli intrecciati che stanno a significare che ha legato la sua anima a Odino, pronto a morire ad un suo comando.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.