FANDOM


SCENARIO STORICO Edit

La saga ha inizio nell’anno del Signore 790, e ha il suo centro narrativo negli eventi che si svolgono in Sassonia, la regione settentrionale di quella che già si chiama Garmania. Ma per poter comprendere la situzione attuale bisogna prima fare un passo indietro.

In seguito al crollo dell’impero romano d’occidente, nel 447, l’Europa sprofondò in un periodo di regressione. Le ripetute e variegate migrazioni di popoli “barbari” provenienti da est provocarono una dissoluzione della struttura politico-amministrativa dell’antico impero. Non c’era più nessuno che provvedesse alla manutenzione delle strade, alla difesa delle coltivazioni, alla conservazione della cultura e delle tecniche agricole e artigianali tradizionali. Le condizioni di vita più precarie, unitamente ad un clima più rigido, provocarono una brusca diminuzione della popolazione europea, seguita da una de-urbanizzazione che permise alle foreste di riprendersi gran parte dello spazio che era stato loro sottratto. 

In questo panorama di abbandono, la dinastia reale dei Merovingi unificò le tribù di Franchi originarie delle Fiandre, e in seguito ad una serie di conquiste, consolidò il più importante regno dell’alto medioevo. Nel 751, Pipino il breve depose l’ultimo dei Re Merovingi, e inaugurò la stirpe Carolingia. Il figlio Carlo, che un giorno chiameranno Magno, salì al trono nel 768. Egli dà subito prova di essere un re profondamente cristiano e militante, che, secondo le teorie di s. Agostino da Hippo, è convinto di essere sovrano per grazia divina, destinato a compiere il piano di Dio in terra. Durante il suo regno, si assiste al cosidetto Rinascimento Carolingio, ovvero un periodo di rinnovo culturale durante il quale vengono riscoperte le antiche scritture, sboccia l’amore per la teologia, l’arte e la letteratura, ma vengono fatti anche grandi passi avanti nel campo dell’agricoltura, dell’economia e dell’organizzazione dello stato. Si costruiscono strade, si fondano città e conventi, si gettano le basi del sistema feudale che dominerà l’Europa per i secoli successivi.

Ma Carlo Magno è anche degno erede della stirpe di re guerrieri inaugurata da Meroveh. Ama nuotare, cavalcare e cacciare, ed è a capo dei dodici pari, il gruppo di paladini guidati da Orlando, che sono al centro delle chanson de geste. Tutte le estati Carlo e i suoi cavalieri vanno in guerra, accompagnati da monaci e preti, per distruggere o convertire i nemici di Cristo e per espandere i domini Franchi. Affrontano i Saraceni in Spagna, i Longobardi in Italia, i Sassoni e gli Slavi in Germania. Ed è sul conflitto con i Sassoni che noi concentreremo l’attenzione.

Il popolo sassone discende da quei barbari che arrivarono in Germania dalla Scandinavia nei primi secoli dopo Cristo, insediandosi tra il Reno e l'Elba. Da qui resistettero ai tentativi di conquista dell'impero Romano e la Sassonia rimase in gran parte isolata dal resto del mondo occidentale fino al secolo VIII. Mentre le varie popolazioni barbare si convertivano ad una ad una alla nuova religione di Roma, le tribù germaniche rimasero perciò fedeli alle antiche tradizioni e agli dei Wodan, Thor e Freya.

I Sassoni hanno molto in comune con i Vichinghi che proprio in questi anni hanno cominciato a compiere le prime scorrerie nel nord della Francia: sono guerrieri forti e alti, feroci in battaglia e spietati con il nemico. Vivono nei boschi, nel cuore della foresta primordiale, vicini ad un mondo magico e fatato che è minacciato ogni giorno di più dall’avanzata della civiltà cristiana. I Sassoni non hanno mai avuto un Re, ed ogni comunità è tradizionalmente guidata da uno Jarl, che ha il compito di applicare le leggi ancestrali. Questi governanti appartengono ad una nobiltà che discende dai primi conquistatori scandinavi, ma per poter comandare sulla loro gente devono sapersi guadagnare il rispetto e l'obbedienza dimostrando coi fatti forza e capacità. Fino a qualche anno fa, i rappresentanti delle tre classi sociali (edhilingui o patrizi, frilingi o liberti, lazzi o servi) mandavano ogni primavera i loro rappresentanti al grande raduno di Marklo, dove si decideva democaraticamente sulle questioni più importanti.

Le guerre sassoni cominciano ufficialmente nel 772. I Sassoni scatenano una razzia contro il villaggio di Deventer, a nord del Reno, saccheggiando le case e bruciando la chiesa. Non è niente di nuovo, perchè tra Franchi e Sassoni c’è sempre stata tensione, vista l’assenza di confini naturali tra i loro territori. Guerra e pace si sono alternati per secoli, e i pagani hanno raramente rinunciato alle loro tradizionali razzie estive. Ma stavolta Carlo Magno non ha intenzione di lasciare impunito il raid, e quindi si reca con l’esercito a Eresburg (vicino Paderborn), dove, sulla sommità di un colle, si trova uno dei luoghi sacri più importanti per i Sassoni. I templi pagani vengono saccheggiati e distrutti, e l’albero sacro Irminsul viene abbattuto, mentre i preti al seguito dell'esercito intonano salmi di ringraziamento per la vittoria contro i pagani. I Sassoni sono sconvolti dall’accaduto. Non hanno difeso il sito perchè si aspettavano che Thor e Odino avrebbero ridotto in cenere l’invasore, colpendolo con fulmini e saette. Ma ciò non è successo. Fin da subito, Carlo Magno dichiara che gli infedeli saranno convertiti o sterminati.

Da questo momento inizia una violenta guerra che sembra non avere mai fine e che nel 790 è ancora pienamente in corso. I Sassoni, guidati dal leggendario sacerdote guerriero Widukind, colpiscono i Franchi con razzie e imboscate, rifiutando il combattimento in campo aperto, dove sarebbero distrutti dalla cavalleria pesante carolingia. Innumerevoli volte distruggono chiese e monasteri, innumerevoli volte perdono e riconquistano Eresburg e le altre città della Sassonia, innumerevoli volte si sottomettono a Carlo Magno, per ribellarsi nuovamente quando questo volta le spalle per combattere in un'altra parte d'Europa. Esasperato, il Re emana leggi draconiane, condannando a morte chiunque non si sottometta a lui e non si converta al vero Dio, e nel 782 fa decapitare 4500 sassoni ribelli nella città di Verden. Ma questa atrocità non fa che alimentare il fuoco della ribellione nel popolo di Odino, e nonostante Widukind si arrenda nel 785, i Sassoni non sono affatto pronti a piegare la testa per sempre.

LA MAGIA E L’ORDINE DI HERMES Edit

L’alto medioevo è un periodo in cui l’elemento sovrannaturale è una presenza importante nella vita di tutti i giorni, sia esso il miracolo di un santo, il maleficio di un demonio, l’inganno di un folletto dei campi o l’epico scontro di un cavaliere con un drago. La Chiesa è ancora molto lontana dallo sradicare antiche credenze e superstizioni, e l’uomo comune sa per certo che sovrapposto al mondo naturale, c’è un altro mondo invisibile, misterioso e pieno di meraviglie.

La magia, in particolare, è una conoscenza alla portata di uomini e donne, una pratica ambita e temuta al tempo stesso. Le streghe del Sabba, i mutaforma di Pomerania, i druidi celti, i sacerdoti delle rune scandinavi, i maghi tempestari, gli evocatori arabi, i cultisti di Osiride, i Benandanti del nord Italia, gli alchimisti e i necromanti, gli eredi del culto romano di Mercurio e i teurghi degli antichi oracoli, sono solo alcuni esempi di adepti di differenti culture magiche, tutti presenti nello stesso momento storico sul suolo europeo. La Chiesa non ha ancora preso una posizione chiara e intransigente sulla magia, tanto che, sebbene la magia malevola sia proibita, molti signori hanno un astrologo di corte, e addirittura Carlo Magno ha un mago tra i suoi famosi paladini.

In questo scenario, uno sparuto gruppo di stregoni è riuscito a superare le reciproche diffidenze e rivalità per costruire una comunità di studiosi in grado di trattare la magia come una scienza: l’Ordine di Hermes. Questa comunità condivide l’interesse per la Teoria Magica inventata da Bonissagus e arricchita dagli altri fondatori, ma è altresì profondamente eterogenea nelle tradizioni, nel carattere e nelle finalità dei propri studi. Rivalità, invidie, sospetti e violenza sono stati messi temporaneamente da parte, ma costituiscono da sempre la base dei rapporti tra streghe e stregoni, e sono ancora vivi sotto la cenere, pronti a prendere nuovamente fuoco al primo soffio di vento. L’Ordine di Hermes è un progetto ancora fragile e scarsamente definito nella struttura e negli obiettivi. Un’idea ambiziosa, tanto quanto esposta al rischio del fallimento. Al suo interno sono all’opera forze che spingono verso la collaborazione e la comunione di intenti, ma anche forze che possono portare alla frammentazione e all’autodistruzione molto più velocemente di quanto non sembri. 

Quindi, quali sono le differenze rispetto ad una normale campagna di Ars Magica? Ecco una lista non esaustiva:

- La Teoria Magica di Bonissagus non è stata inventata in un giorno, e nemmeno in trent’anni. E’ un work in progress che richiederà secoli di sviluppo per arrivare al punto in cui la conosciamo nel 1220. Nel 790 ha invece molte lacune, visto che tanti breakthrough sono ancora di là da venire.

- Ci sono voluti quasi trent’anni per Trianoma per trovare e convincere i fondatori, e per Bonissagus per insegnargli le basi della Teoria Magica. Hanno iniziato nel 740 e finito ben oltre il Primo tribunale del 757. Alcuni dei fondatori hanno finito l’apprendistato prima, e hanno avuto quindi più tempo di far crescere la propria casata, mentre altri si sono uniti più tardi. In ogni caso, alla fine dei loro studi, molti dei fondatori rimangono ancora più forti e sicuri usando la loro vecchia magia piuttosto che i trucchi di Bonissagus.

- La maggior parte dei fondatori ha condiviso con Bonissagus solo una piccola parte delle proprie conoscenze, preferendo tenere il resto per sè e per i propri seguaci. Ogni casata ha quindi un insieme di segreti non ermetici, o solo in parte ermetici, che costituiscono un corpo di misteri, gelosamente custoditi e rivelati solo ai propri membri. Un giorno parte di questi misteri confluirà nella Teoria magica, e parte verrà dimenticata. Ma non ancora.

- Nel 790 l’Ordine è piccolo. Dai tredici fondatori iniziali si è saliti, tramite insegnamento e assimilazione, a circa cento membri. Questi magi vivono in poche alleanze che sono spesso poco più che edifici pericolanti, oscure caverne o villaggi nella foresta (con l’eccezione di Durenmar). Se escludiamo i Diedne, ogni casata conta una media di sei membri, che occupano una o due alleanze monocasata.

- Non siamo ancora vicini all’omogeneità tra maghi generalisti che si riscontrerà nel 1220. Nel 790 quasi ogni mago è unico nel suo genere. Ci sono i fondatori, così diversi tra loro e con un misto di conoscenze ermetiche e non, le nuove generazioni di filii, cresciuti a pane e Teoria Magica, e un miscuglio disordinato di sacerdoti-maghi, evocatori, mutaforma e streghe che si sono uniti all’Ordine, ma che a malapena ne comprendono i principi. Ognuno di questi ha una diversa visione del mondo, personalità e preparazione. Ognuno esige di essere differente.

- Con queste premesse è chiaro che l’Ordine si basa più sulle relazioni personali che sulla politica. La leadership dei fondatori è ancora il collante principale che impedisce ai vari pezzi di volare via per la forza centrifuga. Ma le relazioni tra fondatori sono spesso instabili, e nuove personalità emergenti crescono, e reclamano il loro spazio.

- Diedne e i suoi discepoli sono il gruppo più nutrito, sebbene estremamente chiuso e misterioso. Non esistono gli Ex-Miscellanea e i Verditius. I Merinita sono ancora concentrati sulla natura e in genere non particolarmente interessati al mondo fatato. I Criamon non sono campioni di Teoria Magica e preferiscono isolarsi in meditazione nella loro Domus Magna. Mercere ha perso il dono e al momento non ha seguaci. Ha giurato che non prenderà filii con il dono. E poi c'è una casata nuova, Davanallus, che opera soprattutto in Scozia.

- L’addestramento dei filii è un processo più incerto e difettoso, che avanza per tentativi e fallimenti. Gli insegnanti sono o i fondatori, ermeticamente spuri, o giovani magi che hanno appena superato il proprio guanto e sono spinti a prendere apprendisti per espandere la casata. Non esiste un metodo di insegnamento standard, i libri magici sono rari, e a volte manca la voglia di insegnare bene (per egoismo o sfiducia). Il processo di apertura del Dono non è stato perfezionato, e quindi il Dono Gentile è rarissimo (in modo da rendere più utili i companion). E’ abbastanza frequente che un apprendista fallisca nel diventare magus, e anche quando ci riesce, la sua preparazione è incompleta.

- La Teoria Magica non è l’unica cosa che è ancora difettosa. Il Codice di Hermes è incompleto e il Codice Periferico è appena una piccola collezione di leggi che nessuno conosce. Questi codici cresceranno grazie ai bisogni e alle crisi che l’Ordine affronterà nei secoli, ma al momento sono solo scarni fascicoletti. Inoltre il ruolo di Quesitor non è ancora stato ufficializzato. Guernicus e i suoi pochi filii si stanno dando molto da fare per questo obiettivo, ma al momento non c’è una struttura in grado di investigare su una violazione, emettere una sentenza e vigilare sulla sua applicazione. Il rispetto dello spirito del Codice è in gran parte affidato alla buona volontà individuale e alle Guerre di Magi.

- Viste le dimensioni limitate dell’Ordine, la divisione in Tribunali regionali è ancora solo ufficiosa. L’unica occasione dove è possibile legiferare e prendere decisioni ufficiali è il Grande Tribunale di Durenmar, che si svolge a cadenze irregolari (finora nel 757 e 773).

- Sono molto più frequenti i confronti con magic users esterni all’Ordine, anche molto potenti, a volte organizzati in comunità. I magi ermetici sono una minoranza e sono ben lungi dall’aver conquistato l’egemonia in Europa. Non è escluso che  avversari di altre culture magiche possano rappresentare una minaccia per l’esistenza stessa dell’Ordine.

- Il dominio è ancora assente in grandi parti di territorio, soprattutto in Sassonia, Scandinavia e a est dell'Elba. Aree magiche e fatate sono molto più diffuse ed estese, e c’è abbondanza di vis.

- Vista la sostanziale tolleranza per la magia benigna da parte di Chiesa e governanti, l’interferenza con gli affari dei mondani non è un taboo nell’Ordine. Le cose probabilmente cambieranno, col tempo, ma per ora un magus potrebbe addirittura diventare mago di corte per un nobile. Il dominio fornisce però maggior protezione per i fedeli, garantendo una magic resistance al suo interno (aura x 5). Vescovi, missionari e santi sono più vicini a Dio di quanto ci si aspetti.

DOMUS PARVA Edit

E’ il 790 quando Trianoma, preoccupata dal clima di segretezza e diffidenza in cui sembrano crogiolarsi le Alleanze, concepisce il progetto Domus Parva. Vuole convincere i fondatori a costituire un’Alleanza mista, che serva da laboratorio per la collaborazione e la crescita comune. Solo se i Magi impareranno a conoscersi meglio e a fidarsi gli uni degli altri, l’Ordine sarà una casa sicura e florida per tutti. La maga comincia così il suo pellegrinaggio per convincere i Primi a scegliere un membro della loro casata da dedicare al progetto, ma si scontra con una diffusa mancanza di collaborazione. Faticosamente, e solo dopo molta insistenza, riesce a persuadere alcuni a contribuire al progetto. A tutti i prescelti viene dato appuntamento per l’equinozio di primavera nel luogo dove sorgono i resti dell’antico tempio di Mercurio che costituisce il centro dell’Alleanza di Durenmar: la “casa di Bonissagus”, il centro politico e culturale dell’Ordine di Hermes.

La saga si propone di seguire le avventure di questo gruppo di giovani magi nel loro tentativo di costruire un’Alleanza mista funzionante. Si tratta di una collezione di personaggi alquanto eterogenea: c’è il mezzo incapace di cui il mentore non vedeva l’ora di liberarsi, l’hedge wizards con solo un’infarinatura di Teoria Magica, la marionette nelle mani del proprio pater, il magus in fuga dalla propria alleanza, o il figlio naturale di uno dei fondatori che cerca di emanciparsi dal padre. Ognuno di questi personaggi ha una sua agenda personale, che almeno all’inizio è facilmente in contrasto con quelle degli altri. Riusciranno personalità così diverse a aprire la strada per un nuovo modello di cooperazione nell’Ordine di Hermes?

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.