FANDOM


SaxonWars1(1)

Le guerre sassoni sono state uno scontro di civiltà e di religioni. Ma sono state anche guerre tra un popolo fiero, legato alla natura e con un’anima democratica, contro un regno burocratico, dittatoriale e che non tollerava la diversità. Quindi la teoria secondo cui i Franchi portarono la civiltà tra i barbari è difficilmente difendibile. Il progetto esplicito di Carlomagno era di piegare i Sassoni al cristianesimo e al suo imperio o di sterminarli tutti.

Le guerre sassoni furono combattute in modo atipico, a causa della particolare organizzazione politica dei Sassoni. Non essendoci un unico Re, ma piuttosto una serie di leader carismatici di uguale importanza e indipendenti tra loro, era molto difficile per Carlomagno stipulare un trattato e poi vederlo rispettato da tutti. Più volte il Re dei Franchi pensò di aver sistemato la questione, ma sempre i Sassoni tornavano all’attacco, con la loro classica tattica di incursione e guerriglia.

Un altro elemento che contribuì alla persevaranza dei resistenti sassoni, è che mentre la nobiltà si piegò molto presto davanti alla forza del conquistatore, visto che i suoi privilegi venivano per lo più mantenuti, le classi inferiori continuarono a combattere fino alla fine, reclamando il potere che era stato loro tolto di mano.

Anche il territorio, che non era mai stato toccato dalla civiltà romana, e quindi mancava di strade, ponti e città, andava a vantaggio dei Sassoni. Le dense foreste, i guadi obbligati e gli stretti passaggi tra le colline, esponevano i Franchi alle imboscate del nemico, molto più a suo agio in questo ambiente naturale.

Carlomagno aveva poi diversi problemi da affrontare contemporaneamente, per cui la Sassonia non era l’unica delle sue preoccupazioni. La sua attenzione era spesso richiamata a sud, dove dovette combattere i Lombardi in Italia e i mussulmani in Spagna. Widukind sapevano benissimo quando il Re era altrove, e ne approfittava per colpire con i suoi uomini.

Un elemento importante di queste guerre erano gli ostaggi, che venivano poi scambiati con altri ostaggi o in cambio di un riscatto.

Il muro di scudi è la principale tattica di fanteria dell'epoca. Ha il vantaggio di poter nascondere i guerrieri scarsi e male armati nelle retrovie. La prima linea è dotata di scudo e spada corta (più maneggevole negli spazi stretti), la seconda di lance, le successive ospitano gente pronta a rimpiazzare i caduti.

L'arco è poco usato nelle battaglie campali, giusto nella fase iniziale di avvicinamento. Se puoi avere un fante, lo preferisci sempre ad un arciere.

Keil è il nome germanico del cuneo, che è una formazione sacra che fu insegnata a Hedding da Odino. Ha i vantaggi di offrire un profilo ridotto agli arcieri nemici, di essere forte anche sui fianchi e sul retro, e di poter rompere il fronte nemico in due. In questa formazione le posizioni di testa sono appannaggio dei guerrieri meglio armati e più esperti. I veri leader si mettono in punta (la punta può essere anche di 2 o più guerrieri)! E' una formazione che richiede grande disciplina ed è quindi inadatta a soldati di leva poco addestrati. E' particolarmente devastante contro il muro di scudi: spesso le linee posteriori del muro di scudi sono costituite da soldati di leva poco addestrati e male equipaggiati, e quando il cuneo penetra, esso si ritrova molto vulnerabile agli attacchi dai lati e da dietro. Diventa molto difficile o impossibile recuperare la formazione, e spesso i soldati meno esperti si danno alla fuga e si genera il caos.

RIASSUNTO Edit

La guerra tra Carlo e i Sassoni va avanti da 18 anni. L’esercito carolingio è superiore per armamenti e addestramento, per cui i Sassoni vengono regolarmente sconfitti durante l’estate. D’inverno, però, quando i nobili tornano alle proprie terre con i propri guerrieri, regolarmente i Sassoni si sollevano e fanno razzie, seminano terrore tra i missionari e distruggono le guarnigioni. 

Ma pian piano i Sassoni cominciano a piegarsi alla forza soverchiante dell’impero carolingio, e a sottomettersi ai battesimi di massa. In particolare la casta dominante, gli Edhiling, è quella che salta il fosso per prima, in cambio di una partecipazione alla classe dirigente del futuro. Molti di questi “capi guerrieri”, a partire dal 780, diventano Conti o entrano a vario titolo a far parte del sistema feudale carolingio. Le due caste inferiori, Friling e Lazzi, sono invece molto più resistenti a lusinghe e minacce, e continuano a combattere con tattiche di guerriglia, capitanati dall’eroico guerriero Widukind.

Carlo comincia a perdere la pazienza, e reprime le rivolte con sempre maggior vigore, penetrando in profondità nelle terre dei ribelli, mettendo a ferro e fuoco tutto ciò che incontra sul suo cammino, espropriando il bestiame e riducendo in schiavitù i suoi nemici. Nel 782 c’è l’increscioso episodio di Verden. Widukind ottiene una vittoria inaspettata contro una parte dell’esercito di Carlo, riuscendo ad uccidere Teodorico e altri due comandanti, nonché venti nobili franchi. Carlo è costretto ad abbandonare l’Italia, dove stava combattendo i Longobardi, per dare una lezione ai pagani del nord. I Sassoni sono terrorizzati dalla prospettiva del suo furore, e così, quando arriva, gli consegnano 4500 ribelli nella città di Verden. Nello stupore generale, Carlo li fa decapitare tutti in un unico giorno. Uno spettacolo agghiacciante.

L’anno seguente, per la prima e unica volta, i Sassoni di tutte le tribù si uniscono per affrontare Carlo Magno in campo aperto. Dopo un’iniziale avanzata, però sono costretti a ritirarsi dietro il fiume Hase e vengono successivamente sconfitti alla grandissima. Le cose vanno avanti così ancora per un po’, finché nel 785, in seguito ad una sconfitta, il condottiero dei Sassoni Widukind si consegna al suo nemico e accetta di farsi battezzare. 

Viene promulgato il famigerato Capitolare Sassone, che impone le decime in Sassonia e prevede la pena di morte per chiunque rompa la pace del Re o si rifiuti di convertirsi. Ogni manifestazione di fede pagana espone alla pena capitale, cosa molto singolare, visto che la legge dei franchi prevedeva la massima punizione solo per stregoneria, avvelenamento e falsificazione di monete.

Da quel momento la ribellione si quieta e il controllo del Re sulle terre orientali sembra al sicuro. Ma sotto la cenere, il fuoco della rivolta non è ancora spento...


CRONOLOGIA
Edit

743-744 Pipino il breve e Carlomanno invadono la Sassonia, convertendo a forza la popolazione, distruggendo i boschi sacri e costruendo chiese al loro posto.

750s In risposta, i Sassoni entrano in territorio Franco e distruggono circa 30 chiese.

753 Lo scontro sale di livello quando Pipino il breve lancia una campagnia di vendetta, una vera e propria crociata.

772 Partendo dal medio Reno, Carlomagno guida l’esercito attraverso territori persi nel 695, e conquista Eresburg, sulla cui sommità si trova l’Irminsul, la colonna sacra. L’albero è tagliato e bruciato, mentre i templi vengono saccheggiati e distrutti, e i preti intonano salmi di ringraziamento per la vittoria contro i pagani. I Sassoni non si erano spesi troppo per difendere il sito, aspettandosi che Thor lo avrebbe fatto, annientando gli invasori con il fulmine. Carlomagno lascia ad Eresburg una guarnigione e i Sassoni si ritirano oltre il Weser.

773 Mentre Carlomagno è occupato coi Lombardi, I Sassoni si riprendono Eresburg e Syburg, ma vengono respinti a Ereburg.

774 I Sassoni distruggono l’abazzia di Fritzlar (vicino a Buraburg), uccidendo i monaci e l’abate, e razziano gran parte dell’Hesse. Carlomagno torna in fretta e riprende Eresburg prima dell’inverno.

775 Carlomagno tiene una grande assemblea a Quierzy, in Francia, dove decide che i Sassoni saranno sconfitti e convertiti, oppure annichiliti. Quindi guida l’esercito a riprendere Syburg e fortifica Eresburg. Poi sconfigge i Sassoni a Braunsberg, sul Weser. Una parte dell’esercito è lasciata in zona per ripulire la valle del fiume, l’altra avanza nella Eastfalia, dove il leader sassone Hessi si sottomette. Successivamente anche il leader dell’Angria, Brun, si sottomette. Widukind guida però i Sassoni di Westfalia attraverso il Weser e ottiene una vittoria a Lubecca (poco a nord di Eresburg). Torna Carlomagno dall’est e libera la Hellweg (strada principale) che collega la valle di Lippe (tra Austrasia, Hesse e Turingia), poi sconfigge sonoramente i Sassoni, che si sottomettono. Widukind fugge.

776 I Sassoni si sollevano nuovamente, e riprendono Eresburg. Falliscono invece nel loro attacco contro Syburg, anche perchè le loro rudimentali macchine d’assedio “fanno più danni agli assedianti che agli assediati”. Secondo i racconti, i Sassoni sono respinti soprattutto grazie alla manifestazione divina, sotto forma di due scudi fiammeggianti che volano sopra la chiesa della città. Ancora una volta Carlomagno torna di corsa e prende di sorpresa i Sassoni, che vengono sconfitti. I leader della rivolta sono portati alle sorgenti magiche di Lippspringe e si convertono (è presente anche Halfdan, messo del re dei danesi, che riporterà preoccupanti notizie a casa). Ancora una volta Widukind fugge dai danesi, e sua sorella sposa il Re Sigfred.

777 Carlomagno costruisce un castello presso quella che diventerà Paderborn, e vi indice una dieta con tutti i leader Sassoni eccetto Widukind, che fugge in Danimarca da Re Sigfred. Molti sassoni sono battezzati.

778 Mentre Carlomagno è impegnato contro gli Umayadi a Saragozza (dove morirà Rolando nella battaglia di Roncisvalle), Widukind e i suoi tornano, distruggendo Paderborn e saccheggiando Deutz, nei pressi di Colonia, e bruciando tutte le chiese sul loro cammino. Molti abitanti e contadini sono fatti schiavi e deportati in Sassonia. Ripiegano sull’attacco della guarnigione di Coblenz, ma poi la sconfiggono presso Deutz. Sono però successivamente costretti ad arretrare, e vengono sconfitti vicino Leisa. L’area “Wigmodia” tra il basso Weser e l’Elba diventa il centro della resistenza Sassone. Widukind stringe alleanze con gli slavi di Frisia e Gotfred il danese.

779 Carlomagno, a capo di un grande esercito, attraversa il Reno e sconfigge i Sassoni a Bocholt, presso l’ansa settentrionale del Reno. Tutti i leader sassoni della Westfalia, escluso Widukind che si rifugia nella Sassonia settentrionale, sono fatti prigionieri. Carlomagno poi prosegue verso l’estfalia, e la sottomette nuovamente.

780 Mentre Widukind riorganizza le sue forze, Carlomagno divide la Sassonia in diocesi per poter procedere in modo più organizzato ai battesimi. Nomina conti i nobili sassoni (escludendo le altri classi dal potere) e li fa unire in matrimonio con le famiglie nobili dei Franchi. E’ a questo punto, che gli Edhiling decidono di rimanere fedeli al Re dei Franchi e di supportarlo attivamente. Da qui in poi la resistenza sarà una questione esclusiva di friling e lazzi, vessati tra l’altro dalle decime per il clero, esatte dai traditori Edhiling. Carlomagno se ne torna a casa convinto di aver sistemato la questione una volta per tutte. 

781 Widukind infiamma nuovamente la rivolta sassone, che risponde con tattiche di guerriglia all’avanzata dell’esercito carolingio. Questa volta non è Carlomagno a guidare i suoi uomini, ma la repressione è possibile grazie all’appoggio degli edhiling.

782 Carlomagno tiene una assemblea a Lippspringe e manda dei soldati contro gli slavi Sorbi, ma deve fare i conti con una ribellione nella Sassonia meridionale. Widukind sconfigge Teodorico sulle colline di Suntel, uccidendo lui, quattro conti, venti altri nobili e altri due comandanti dell’esercito carolingio (vedi libro, pos 931). La sconfitta è uno shock per i Franchi, e Carlomagno deve tornare dall’Italia. Ma anche i sassoni sono spaventati dalla prevedibile vendetta dei Franchi, e si riuniscono a Verden, dove gli Edhiling, con la collaborazione dei sassoni meno valorosi, consegnano i ribelli a Carlomagno, mentre Widukind è già in viaggio verso la Danimarca. 4500 ribelli sassoni vengono decapitati, e questo ha l’effetto di far infuriare i Sassoni ancora di più.

783 Carlomagno sconfigge nuovamente e in modo brutale Widukind nei pressi della foresta di Teutoburgo, mettendo a ferro e fuoco la Sassonia meridionale. Ma per la prima e unica volta i Sassoni di tutte le tribù si riuniscono in un grande esercito e Carlomagno è costretto a riparare a Paderborn in attesa di rinforzi. La battaglia finale si svolge nei pressi dell’odierna Osnabruck. Dopo due giorni di stallo, Carlomagno riesce ad attraversare il fiume Hase e sconfiggere Widukind, uccidendo migliaia di Sassoni e facendo molti prigionieri. Sull’entusiasmo della vittoria, l’esercito carolingio espugna Wittekindsberg, la cittadella fortificata dei sassoni, forse utilizzando armi d’assedio (mappa pos. 1356). Mai più i Sassoni sfideranno i Franchi in campo aperto. Dopo questa vittoria, Carlo si dirige a est, fino al fiume Elba, distruggendo ogni cosa sul suo cammino. Quindi torna alla sua città natale, Herstal, dove la madre Bertrada è morta il 12 Luglio. Qui sposa la terza moglie Fastrada.

784 Sotto lo sprone di Widukind in inverno si ribellano anche gli slavi di Frisia, insieme ai sassoni di Westphalia e Eastphalia. Carlomagno vorrebbe andare verso la Frisia, ma il Weser in piena è invalicabile, e quindi divide in due l’esercito. Lui torna a sud, piega verso la Turingia e poi passa per la spada l’Estfalia fino al fiume Elba (Schoningen), mentre il figlio Carlo il Giovane sconfigge il nemico nella valle del Lippe. Si ritira quindi a Worms.

785 Carlomagno vorrebbe continuare con la campagna invernale, ma il brutto tempo e nuove piene lo ostacolano. Attende a Eresburg, limitandosi a piccoli scontri con i sassoni per mantenere il controllo delle strade. Le difese di Eresburg sono rinforzate, e viene costruita una chiesa. Per Pasqua, Carlomagno è raggiunto dalla moglie e dai suoi figli. Widukind li spia travestito da mendicante, e si dice assista al miracolo che ne propizierà la conversione: al posto dell’ostia, vede il prete dispensare ad ogni fedele un bellissimo infante. In estate Carlo arriva di nuovo fino all’Elba senza incontrare grossa resistenza. Widukind e Abbo si ritirano dietro il fiume, ma Carlomagno propone loro un incontro di persona. Come garanzia di incolumità viene accettato uno scambio di ostaggi. Widukind e Abbo seguono Carlomagno fino ad Attigny (vicino a Reims), dove questo diviene il loro padrino durante il battesimo nel giorno di Natale (e fa doni preziosi), alla presenza di membri della corte di Carlo e fedeli di Widukind. Questa resa è una grande vittoria politica per Carlomagno, e mette fine alle speranze di indipendenza del popolo Sassone.

785-786 Carlomagno sopprime una rivolta del conte Hardrad di Turingia. Le cause di questa rivolta potrebbero essere l’eccessiva crudeltà della moglie Fastrada, o i dissapori tra turingi e franchi che vivono a est del Reno.  Viene promulgato il capitolare sassone, che punisce con la pena capitale chiunque rompa la pace del Re o professi il paganesimo (o mangi carne di cavallo): è reato mortale bruciare i morti, non rispettare la quaresima ecc. Grazie a questa svolta brutale, Carlomagno si guadagna l’appellativo di “macellaio di sassoni”. Alcuin of York, dissente, argomentando che la parola di Dio non può essere portata con la spada.

788 Carlomagno annette con la forza la Baviera, e diventa così confinante col regno in declino degli Avari (Ungheria).

790 Non avendo nemici da combattere, Carlo salta un anno, e passa l’estate in crociera sul Meno. 

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.