FANDOM


Introduzione Edit

Le storie sul primo secolo di vita dell’Ordine sono alquanto inverosimili. Probabilmente la mistificazione del passato è cominciata come tentativo di smorzare il ricordo di faide e inimicizie tra le casate, e poi nel tempo si è evoluta una visione mitica di quel periodo, volta ad idealizzare (e semplificare) le figure dei Fondatori e le loro gesta, come esempio e favola morale per i futuri magi dell’Ordine. 

In particolare, è inverosimile che Bonissagus sia riuscito in pochi anni ad insegnare una teoria magica del tutto nuova a dodici magi che erano già esperti di altri sistemi magici. Escludendo Trianoma, l’insegnamento degli altri 10 fondatori, più Pralix, si è svolto invece nell’arco di 26 anni, dal 740 al 766. Non tutti hanno appreso bene la nuova Teoria, e non tutti i fondatori sono grandi magi ermetici. Mercere ha perso il Dono, Tytalus e Diedne erano così avanzati in un altro sistema che non hanno appreso bene il nuovo, Flambeau si è specializzato solo in una cosa… E in genere, Bonissagus a parte, tutti quanti hanno appreso quella parte della Teoria che espandeva e potenziava il proprio campo di interesse, ma hanno mantenuto gravi lacune magiche. I magi di seconda e terza generazione hanno in gran parte ereditato le lacune dei maestri, anche se, magicamente vergini, sono in grado di costruirsi una cultura ermetica più pura. Durenmar si dà parecchio da fare per scrivere trattati che possano facilitare gli studenti, ma al momento è difficile che le Alleanza abbiano più di tre libri magici.

La Teoria Magica, dal canto suo è ancora molto acerba. Nuovi breakthrough sono annunciati da Durenmar con una certa regolarità, ma la strada da fare è molta, e il flusso del sapere trova molti ostacoli, a partire dalla scarsa collaborazione tra casate, e anche all’interno delle casate stesse. In particolare, diversi tra i fondatori hanno condiviso con Bonissagus solo una piccola parte delle loro conoscenze, trattenendo per sè i “misteri”. Con il tempo queste conoscenze segrete verranno incorporate nella Teoria Magica tramite breakthrough, perdendo il loro carattere specifico della casata e diventando dominio di tutti, ma siamo solo all’inizio.

L’inizio Edit

Bonissagus è un mago italiano, nato a Firenze nel 690. Ha un eccezionale talento da ricercatore e dopo varie vicissitudini e peregrinazioni si ritira in una caverna sulle Alpi per completare le sue ricerche al riparo da ogni distrazione. E’ qui che mette a punto la sua prima grande invenzione: il Parma Magica. Si tratta di un semplice rituale in grado di proteggere chi lo esegue da qualsiasi tipo di incantesimo. Di sicuro è uno strumento molto utile per proteggersi dagli altri maghi, ma è Trianoma, la strega tessalonicese che lo assiste nelle sue ricerche, a intuire la vera promessa insita in questa scoperta: finora c’è sempre stata diffidenza e ostilità tra coloro che utilizzano la magia; il sospetto e la paura hanno impedito ogni tipo di collaborazione e amicizia, e sono spesso sfociati in sfide mortali. Ora il Parma Magica può permettere a queste persone di stare vicine senza temere di essere aggredite. Può portare ad una società di studiosi dell’arcano che abbia come scopo il perseguimento della conoscenza e la pacifica convivenza delle diverse tradizioni magiche. 

Intorno al 740, Bonissagus sta cercando di mettere a punto la sua seconda grande scoperta, la Teoria Magica; sta cioè cercando di rendere la magia una vera e propria scienza. Preso com’è dalle sue ricerche, la visione di Trianoma di una società di maghi non lo interessa più di tanto, ma si lascia convincere che una più larga collaborazione possa portare ad una migliore Teoria Magica. Così Trianoma comincia a peregrinare per l’Europa in cerca di altri potenti stregoni di ogni tipo che abbiano interesse a collaborare. La maggior parte si rifiuta, gelosa dei propri segreti e sospettosa delle motivazioni della maga, ma alcuni si lasciano convincere, ingolositi anche dalla prospettiva di imparare il Parma Magica. Tutti questi maghi si recano ad uno ad uno da Bonissagus, che insegna loro il risultato delle sue ricerche, e in cambio riceve nuovi contributi per migliorarle ancora. Questo processo dura quasi trent’anni, ma alla fine nel 757, A Durenmar nel cuore della Foresta Nera, nel luogo dove sorgeva una antico tempio del culto di Mercurio, tredici Magi giurano fedeltà alla neonata alleanza e alle regole contenute nel suo Codice. E’ nato l’Ordine di Hermes.

Trianoma Edit

Il ruolo di Trianoma è finito per essere sminuito nella storia dell’Ordine, e lei è stata considerata una semplice facilitatrice di un processo inevitabile. Ma in realtà l’idea stessa dell’Ordine è sua in tutto e per tutto. E’ vero che Bonissagus ha fornito i mezzi per questa rivoluzione, ma è stata Trianoma ad avere la visione, a prendere questi strumenti e a costruire un’entità politica. Lei ha stabilito i principi di base, ha trovato i membri, li ha convinti a partecipare con spirito costruttivo, a giurare su un codice di regole, e in seguito ha mediato con grande diplomazia, riuscendo ad evitare che la neonata creatura morisse nella culla. Tutto questo con grande umiltà, e senza chiedere mai nulla per sè. 

Tradizione romano-cristiana Edit

Possiamo far cominciare la storia dell’Ordine di Hermes dal momento in cui Trianoma porta a Bonissagus Mercere (740), un mago del culto di Mercurio, grande viaggiatore. Mercere è entusiasta dell’idea di Trianoma, e insegna a Bonissagus ciò che sa sui rituali di fertilità e sul mutare forma. Mentre studia, accompagna la maga e la assiste nella ricerca di nuovi membri. I due stanno molto insieme, e si innamorano. La loro relazione andrà molto bene fino agli anni ‘60.

Dopo Mercere, da Bonissagus arriva Criamon (743), un anziano mago-filosofo, visionario, pacifista e vegetariano, che vive un una grotta nelle Alpi insieme ad un piccolo gruppo di seguaci. Criamon è una persona affabile e con il senso dell’umorismo, molto colto e con una teoria filosofica originale e complessa. Per lui la magia è solo un mezzo per cercare una via di fuga dal circolo del tempo. Apprezza il dono del Parma Magica da parte di Bonissagus, che gli permette di continuare la sua ricerca in sicurezza, ma il suo contributo alla Teoria Magica è trascurabile. Passa del tempo con Flambeau, durante la formazione, ma un pacifista vegetariano come lui non può apprezzare la predisposizione alla violenza del più giovane compagno di studi. Diventa invece amico di Jerbiton, con cui ha molto più in comune. Una volta finita l’istruzione magica Criamon torna alla sua caverna, dove insegna ciò che ha appreso ai suoi seguaci e continua nella sua ricerca. Lascerà la Caverna delle Ombre Contorte praticamente solo per i primi due Grandi Tribunali, e lascerà questo mondo di lacrime nel 782 A.D.

Flambeau arriva da Bonissagus insieme a Criamon (743), con una fama di mago guerriero, che si è conquistato combattendo gli evocatori arabi (sahir) in Spagna, prima da solo e poi al servizio di un nobile del posto. Il suo primo maestro è stato un mago del culto di Mitra di nome Labarus, ma Flambeau è ben felice di apprendere ancora di più da Bonissagus. E’ entusiasta del Parma Magica, tanto quanto lo è dell’Idea dell’Ordine, ma anche a causa della sua difficoltà a leggere, farà fatica a apprendere bene la Teoria Magica. Flambeau si vede come un eroe cavalleresco al servizio di Dio, un crociato, e subito dopo aver finito l’addestramento si lancia in una guerra personale per conquistare nuovi maghi alla causa dell’Ordine e per distruggere chi gli si oppone. La sua sfida ai Mori, che gli hanno ucciso la famiglia e lo hanno ridotto per due volte in fin di vita, durerà fino alla morte.

Flavius Jerbitonis è il quarto elemento del primo gruppo, di cultura cristiano-romana, di apprendisti di Bonissagus (745). E’ la sua maestra Berenice di Tessalonica a mandarlo in sua vece, e Jerbiton si dimostra un ottimo studente, e un aiuto prezioso per gli studi di Bonissagus. Gli insegna molte cose su Imaginem e Mentem, sull’uso corretto di gesti e parole negli incantamenti, e dà un contributo importante alla definizione della terminologia ermetica. Flavius va molto d’accordo con Criamon, ma considera Flambeau come il bambino scemo della classe, cosa che crea tensione tra i due. Nel 753 deve interrompere per alcuni mesi l’apprendistato per accogliere nella sua casa sulle Alpi alcuni magi iconofili in fuga dalla Grecia, e nasce così la Domus Magna di Valnastium.

I fligli di Guorma Edit

Nel 750 arriva a Durenmar Tytalus con i suoi apprendisti Tremere e Pralix, che tratta con severità e scherno. I tre sono appena riusciti ad uccidere la loro maestra Guorma la Fetida, contro cui si sono ribellati perchè temevano che ella volesse prendere uno dei loro corpi per continuare a vivere. La loro intenzione è adesso quella di affrontare e uccidere Bonissagus che considerano un alleato di Guorma, ma il vecchio magus, con l’aiuto di Jerbiton, li convince che invece di ammazzarsi a vicenda, sarebbe molto più proficuo per tutti se si collaborasse ad un obiettivo comune. Tytalus accetta di entrare nell’Ordine e si mette a studiare con fatica la nuova teoria. Quando nel 753 Trianoma porta a Durenmar anche Guernicus, i due cominciano una proficua collaborazione sulla forma che dovrà assumere l’Ordine di Hermes una volta fondato. Trianoma infatti sta facendo un grande lavoro per favorire una comunità pacifica di magi, ma i due sanno bene che non si può lasciare un’organizzazione senza regole, soprattutto quando i suoi membri sono stregoni storicamente famosi per farsi la guerra l’un l’altro. Tytalus insiste perchè l’Ordine sia democratico, senza vantaggi per i fondatori (temendo che gli altri magi, più predisposti a fondare gruppi di potere possano accentrarne troppo). Già da subito, Tytalus dimostra di essere un politico eccellente, scaltro, persuasivo e violento all’occorrenza, interessato a giocare la sua partita sia all’interno dell’Ordine che presso i mondani. 

La sfida di Diedne e il Giuramento Edit

Il 757 è l’anno della fondazione dell’Ordine di Hermes. Sono giunte a Durenmar di Birna (fondatrice della casata Bjornaer) e Merinita, che portano il contributo della cultura magica pagana del nord che finora mancava, e Trianoma decide che è giunto il momento di dare il via ufficiale alla associazione per la quale lavora da diciassette anni. Ma il giorno previsto per il giuramento si presenta, a sorpresa, anche Diedne, che da subito fa capire la simpatia e la considerazione che prova per i colleghi, innescando un conflitto destinato a durare. Annuncia infatti che non si unirà a questo Ordine di principianti, essendo lei la maga più potente, ma che se loro vorranno diventare suoi seguaci, forse potrebbe accettarli nel suo Ordine. I presenti sono oltraggiati, e non possono accettare questa minaccia. Flambeau e Tytalus subito attaccano la maga con i loro incantesimi, ma lei, sebbene priva di Parma Magica, gli tiene testa disinnescando le loro armi con la magia spontanea. Impressionata da simile dimostrazione di potere, Trianoma riesce a chiamare una tregua, e convince Diedne ad avere un colloquio privato con lei e Bonissagus. Per due giorni i due discutono intensamente con Diedne da una parte e con gli altri maghi dall’altra, la contrattazione è difficilissima, ma alla fine viene trovato un terreno comune, e la maga bretone partecipa al giuramento sul Codice di Hermes insieme agli altri. 

La tensione è alta, diversi fondatori sono scontenti, e molti lasciano in fretta Durenmar dopo il giuramento. Flambeau parte subito per i Pirenei, dove fonderà Val-Negra, la sua Domus Magna concepita sul modello dell’Alleanza di Bonissagus. Prima di cominciare il suo addestramento, Deniela (questo è il nome da ragazza di Diedne) trova il tempo di sedurre il giovane Tremere. Al fine di seminare discordia, lo convince anche che non deve sottostare a Tytalus, ma che deve uscire dalla sua ombra e trovare la sua indipendenza. Tremere tentenna, e quando Diedne partorisce il suo figlio, un anno dopo, vorrebbe stare con lei. Ma la maga lo respinge, sostenendo che non vuole che suo figlio abbia un padre debole, ed escludendolo una volta per tutte dalla paternità del piccolo Gurwal. In quel momento Tremere comincia a muoversi per staccarsi da Tytalus, ingaggiando una partita a scacchi tutta interna all’Ordine per riuscire a conquistarsi l’indipendenza.

La tradizione pagana Edit

Diedne insegna a Bonissagus molte cose sulla magia improvvisata, espandendo notevolmente la Teoria Magica, ma oltre al Parma Magica non è molto interessata a ciò che lui ha da darle. Si considera già una maga più forte, e in Bretagna e oltre la Manica ha un numeroso seguito che aspetta il suo ritorno. Per cui si ferma solo pochi anni a Durenmar, tornando spesso a casa durante l’Estate.

Più lungo è invece l’apprendistato di Merinita e Birna. Trianoma ha cercato a lungo la prima delle due nelle foreste di mezza Europa, senza mai trovarla, ma alla fine lei si è presentata a sorpresa a Durenmar pochi giorni prima del giuramento. E’ una delle maghe più rispettate in assoluto, una guaritrice per la quale la natura e le foreste non hanno segreti. Molti la considerano una semi-dea, e si dice che conosca ogni bestia o uccello che vive nel bosco, e che possa comandare gli spiriti degli alberi. Eppure Merinita è una donna estremamente timida e riservata, dal carattere dolce e sempre pronta ad aiutare il prossimo. Ascolta con umiltà ciò che Bonissagus ha da insegnarle, e in cambio gli spiega come legare a sè i famigli. Aiuta anche Birna, una ragazza in fuga dalle streghe della Pomerania. Inizialmente l’Ordine di Hermes è stato pensato come un’organizzazione fondata sulla cultura greco-latina; Diedne ha imposto la sua presenza con la forza, se vogliamo, ma i fondatori non sono inizialmente d’accordo nell’includere nel loro novero anche Birna, una strega dai poteri molto limitati e appartenente ad una cultura barbara. E’ solo grazie all’insistenza di Merinita, che la ragazza viene infine accolta e diviene la capostipite dei Bjornaer. Tuttavia, ella fa fatica a conciliare la Teoria Ermetica con la propria formazione che si basa sulla filosofia naturale, sul mutare forma e sulla trance estatica, e la distanza con gli altri fondatori non accennerà a diminuire con il tempo. Birna e Merinita diventano molto amiche e, nel poco tempo in cui Diedne rimane a Durenmar, stringono anche con lei un rapporto tutto sommato positivo, aiutate dal retroterra culturale comune e dall’amore per la natura.

Nel 765, otto anni dopo la fondazione, arriva a durenmar dalla Scozia il mago pitto di nome Damhan-Allaidh (il Ragno). Ha chiaramente sangue di giganti nelle vene, e il viso dipinto con quelle che sembrano pitture di guerra. Si rivolge a Bonissagus con irritazione, accusandolo di aver insegnato alla strega bretone i segreti con cui lei sta depredando le terre della sua gente, uccidendo i maghi-sacerdoti gruagachan e rubando le loro risorse. Il Ragno esige che Bonissagus ponga rimedio a questa ingiustizia e che insegni anche a lui i suo trucchi. Bonissagus si rivolge a Trianoma, che si mette subito in contatto con gli altri fondatori. L’idea di accettare questo mezzo gigante nell’Ordine viene accolta positivamente, e visto che Damhan-Allaidh non ne vuole sapere di affiliarsi ad un’altra casata, nasce la Casata Davanallus. Il motivo che sta dietro ad un provvedimento così eccezionale è da ricercarsi nella speranza dei fondatori che il Ragno possa costituire un argine contro le mire espansionistiche di Diedne nelle isole britanniche. Le dimensioni eccezionali di questa casata, e l’attegiamento affatto collaborativo preoccupano infatti alquanto i filii di Bonissagus.

Tremere contro Tytalus Edit

Nel 768 Tremere ha conquistato un piccolo seguito, e fa la sua mossa, fondando in Transilvania la Domus Magna di Coeris, insieme al suo primo allievo e ad alcuni necromanti della Dacia. Sceglie il momento accuratamente, muovendosi quando Tytalus è impegnato in una serie di mosse politiche per spingere Carlo Magno a combattere Re Murman per il dominio sulla penisola di Bretagna. Tytalus ha considerato un affronto e una sfida personale, il tentativo del “fratellino” di staccarsi da lui per formare una sua Casata, e gli ha messo i bastoni tra le ruote all’interno dell’Ordine. Ma Tremere si è mosso bene, ha guadagnato appoggio politico, e infine è riuscito nel suo intento. Tuttavia Tytalus non è uno che si arrende, e continua così a contrastare l’ex allievo. Per esempio favorendo la creazione di un protettorato slavo in Boemia, nel tentativo di metterli in conflitto con i bulgari alleati dell’avversario. O aiutando la Lega Tebana di Jerbiton durante il conflitto con Tremere nel 785.

I rapporti tra i due rimangono conflittuali fino alla morte di Tytalus, e sono espressione di una concezione opposta del modo di essere uomo e magus. Tytalus concepisce la sua esperienza come una come una sfida solitaria per superare ostacoli sempre più difficili, ma anche a mettere alla prova gli altri a cui è legato. Tremere crede invece nella forza del branco, nella disciplina e in un’attenta programmazione dei propri piani. Queste due visioni differenti, che attraversano un po’ tutte le casate dell’Ordine, sono il motivo per cui ci sarà sempre contrapposizione tra gli eredi dei due “fratelli”.

Secondo Grande Tribunale Edit

Nel 773 si svolge a Durenmar il secondo Grande Tribunale. Vi partecipano tutti i fondatori e i loro filii, con l’eccezione di Diedne, che manda in sua vece un giovane seguace di nome Tighearnach. Questo ragazzo si presenta con in mano venticinque sigilli, quasi tanti quanto la somma di tutti gli altri magi presenti. Tighearnach si dimostra assolutamente disinteressato alle discussioni in corso, e vota semplicemente no a qualsiasi proposta.

L’opposizione a priori dell’inviato di Diedne rende difficile prendere decisioni su cui non ci sia l’unanimità degli altri membri, e molte delle proposte di Guernicus per rendere più regolato l’Ordine vengono bocciate sonoramente. Ma i fondatori riescono comunque a far passare qualche proposta, se non altro per far dispetto alla maga bretone. Viene quindi ampliata la formula del Giuramento che ogni magus deve compiere dopo il Guanto: su insistenza di Flambeau viene aggiunta la possibilità di chiamare una Guerra di Magi, e su richiesta di Tremere viene proibito l’uso della magia per spiare i colleghi. Si istituisce anche il Codice Periferico, che sta alle leggi come il Codice di Hermes sta alla costituzione. Con la fondazione di Fenistal e Crintera, la settima e ottava alleanza dell’Ordine, si rende evidente la necessità di stabilire dei confini regionali, in modo che i magi di una certa zona, chiamata Tribunale, possano riunirsi senza dover aspettare la prossima adunata generale. E’ ancora di là da venire, però, la possibilità dei singoli Tribunali di legiferare sul Codice Periferico.

L’incidente di Mercere Edit

Nel 780, in seguito ad un incidente di laboratorio a Durenmar, Mercere perde il suo fragile Dono. Nonostante tutti i tentativi, Bonissagus non è in grado di farglielo recuperare, e considererà sempre questo insuccesso come una delle sue più grandi sconfitte. Mercere dal canto suo è disperato, e non riesce a darsi pace. Quando alla fine si arrende all’evidenza, chiede a Bonissagus di accogliere il suo ex discepolo Priamitus nella sua cerchia, e si ritira nella sua casa di Harco in Piemonte. Qui per dieci anni Mercere si dimostra del tutto disinteressato all’Ordine di Hermes, dedicandosi completamente alla moglie, di trent’anni più giovane, e ai due figli che gli ha dato.

La fondazione di Rethra Edit

Sempre nel 780 si svolge il primo Tribunale del Reno, dove vengono ufficializzate le fondazioni delle prime due alleanze non Domus Magna: Ariae Flaviae, popolata da filii di Bonissagus, e Rethra, popolata da filii di Flambeau. Apromor, il primo discepolo di Flambeau, decide di fondare la propria alleanza lontano dall’ingombrante maestro, e sceglie un remoto villaggio slavo nella regione della Pomerania (regione tra la Germania e la Polonia). La considera una base perfetta per poter combattere e sconfiggere maghi pagani, portando i migliori dalla sua parte. Il problema è che Rethra è fin troppo vicina all’isola di Crintera, dove sorge la Domus Magna di Birna, e le due alleanza entrano subito in conflitto per le fonti di vis della zona. Birna e i suoi sono infuriati dall’invasione di quello che considerano il loro territorio, e la situazione peggiora ancora di più quando Apromor accetta nei suoi ranghi una delle streghe, acerrime nemiche della maga. 

Tremere contro Jerbiton Edit

Nel 785 Tremere decide di espandere la sua influenza sui territori della Grecia, per accaparrarsi le sue ricchezze di vis e di conoscenza magica. In quella regione non c’è nessuna alleanza ermetica, e quindi Tremere pensa che sarà un gioco da ragazzi allungarvi la sua mano. Ma Flavius Jerbitonis ha ancora molti contatti da quelle parti, e viene avvisato per tempo da Tytalus delle intenzioni del suo ex discepolo. Quando Tremere effettivamente colpisce, scopre che molti dei maghi greci sono stati radunati in fretta e furia da Flavius, hanno fatto il giuramento e imparato il Parma Magica. Si sono dati il nome di Lega Tebana (che costituirà il nucleo del futuro Tribunale omonimo) e non hanno nessuna intenzione di essere travolti dai necromanti del nord. La battaglia, che dura quasi un anno, è aspra, e ci sono vittime da entrambe le parti. Alla fine Tremere deve ammettere la sconfitta, e ritirarsi a Coeris.

Questo episodio dimostra quanto l’Ordine faccia fatica, nel primo secolo della sua storia, a imporre il Codice sui suoi membri. Da una parte i magi coinvolti spesso preferiscono risolvere da soli i loro problemi, per dimostrare la loro forza, dall’altra non c’è ancora un ordine di quesitores in grado di accertare le violazioni, nè un codice periferico dettagliato. E spesso nemmeno la volontà politica di immischiarsi negli affari degli altri. In più, i Grandi Tribunali sono spesso resi impotenti dal blocco di voti di Diedne, che fanno continuo ostruzionismo.

Flavius incontra Carlo Magno Edit

Flavius conosce da molto tempo il fabbro-mago di corte di Carlo Magno, Carolinus, dal quale ha preso un garzone che mostrava di avere il Dono. Per qualche tempo il figlio di Flavius, Adriano, ha seguito Carolinus e la scintillante corte carolingia in giro per l’Europa, durante il periodo del suo apprendistato per diventare magus.

Nel 789 Carolinus riesce a organizzare un incontro tra il Re e Flavius in cui il magus, con dotte e sensate argomentazioni, persuade il Re ad emettere un editto in cui si condanna la stregoneria, ma si permette la “magia benevola”. L’impresa è celebrata come un grande successo a Durenmar e in tutto l’Ordine, e il prestigio di Flavius se ne giova grandemente.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.